VILLA BELVEDERE

B&B

Villa Vescovile si erge maestosa sul colle Belvedere, da dove si può godere una splendida visuale paesaggistica sulla città di Belluno.

L'esteso terrazzamento che contiene la fascia a verde antistante la villa, delimitato da un muro ornato da vasi in pietra, un tempo si estendeva fino a valle, terminando con un laghetto circondato da un bosco di querce, oggi occupato dal complesso ospedaliero. L'accesso avviene tramite due cancellate laterali che consentono una vista di scorcio dell'edificio, costituito dal corpo padronale aggettante rispetto alle barchesse laterali cui è collegato con porzioni edilizie minori. Sul lato nord un ampio giardino con viale alberato e specie ad alto fusto delimita la proprietà.

La costruzione della villa venne affidata nel 1711 all'architetto padovano A. Paolo Tremignon dall'Episcopato Bellunese, proprietario della collina, nella persona del vescovo Giovanni Francesco Bembo. Il complesso passò successivamente al commendator Gerenzani e nel 1968 al professor Giambattista Marson per successione ereditaria.
A ribadire un rapporto gerarchico tra le parti, il corpo padronale su tre piani ove risiedeva il vescovo sopravanza creando un'organizzazione planimetrica movimentata: le barchesse di servizio, più basse, rimangono sullo sfondo, creando, sul retro, una corte secondaria.
La villa ha fronte tripartito, con trifore a serliana balconate in corrispondenza dei piani primo e secondo e timpano dentellato decorato al centro con splendidi stucchi e stemma nobiliare. L'ingresso è inquadrato da un portale a tutto sesto posto sulla sommità di una scalinata sorvegliata da leoni in pietra. Gli annessi rustici, su due piani, aprono entrambi verso sud con ampie arcate la cui centinatura è realizzata con conci in pietra a mo' di bugnato. A est si vedono tre portali, due dei quali conducono alle cantine e al granaio (portali parzialmente tamponati nell'ala ovest).

Restauri ottocenteschi e vicissitudini belliche contribuirono a cancellare dall'interno della villa il preziosissimo ciclo di dipinti a olio su marmorino eseguiti dai pittori Sebastiano e Marco Ricci nelle due sale centrali e sulle scale: oggi sopravvive solo un frammento con la "Testa della Samaritana" conservato presso il Museo Civico, mentre l'acquerello di Osvaldo Monti ne rievoca il contenuto. Interessanti il soffitto decorato della Camera degli Sposi e le travi lignee dipinte, di gusto ottocentesco. Ridotta a lazzaretto nell'800 a causa di un'epidemia di tifo, venne occupata poi dagli austriaci e dai francesi.

Oggi la villa mantiene la sua vocazione residenziale e ospita manifestazioni culturali solo previo accordo con la proprietà.

VILLA VESCOVILE AL BELVEDERE Via San Lorenzo, N°46 - 32100 Belluno, loc. Mussoi (BL) Tel. 043725262 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Agenzie viaggio

Se sei un agenzia di viaggio compila il form per rimanere sempre aggiornato.

Iscrizione Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità che Ville Venete & Castelli ti offre. Iscriviti ora alla newsletter.

Informazioni

Ville Venete & Castelli

Indirizzo:  Viale Umbria 6 - 30015 Chioggia (VE)

Telefono: +39 0422 431605

Skype: villevenetecastelli