VILLA PETROBELLI

Borgo del 1034

 La Villa di costruzione tardo seicentesca è da sempre appartenuta alla nobile famiglia Petrobelli che qui aveva vasti possedimenti.

Da ricordare alcuni fatti salienti. Nell’Ottocento la nobildonna Eloisa Petrobelli fu moglie dell’affermato architetto neoclassico Giuseppe Jappelli, autore fra le molte sue opere del celebre Caffè Pedrocchi a Padova.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la Villa fu occupata dalle truppe tedesche che ne fecero a lungo il Comando della zona (ancor oggi sono conservati oggetti del tempo).

Infine durante il Novecento la tenuta, dato il refrigerio della campagna e i lavori agricoli da sovrintendere, fu utilizzata dai conti Petrobelli quale dimora estiva.

La struttura della Villa è costituita da un corpo centrale massiccio di pianta quadrangolare a tre livelli e da due barchesse laterali.

La distribuzione interna degli ambienti è tipica delle ville venete: una grande sala nei due piani e quattro stanze ai lati. Sulla parete della sala centrale al piano terra è presente un dipinto raffigurante lo stemma di famiglia dei conti Petrobelli.

La facciata, rivolta a sud, è di semplice ed elegante fattura: un fornice centrale con balaustra a pilastrini e piccolo stemma dei Petrobelli al centro, le finestre ai lati con stipiti in pietra di Nanto.

La barchesse laterali, una a ponente di quattro archi e una a levante di otto, hanno semplici lesene, un oblò sopra ogni arco e sono a mattoni non intonacate con i soffitti in travi di legno squadrate “alla sansovina”.

Oltre al selciato (“selexe”) e al giardino (vedi descrizioni in “Veduta aerea”) sono disponibili le due barchesse laterali: appaiate longitudinalmente a levante sono di otto archi, hanno superfici di circa 150 metri quadrati cadauna per circa 130 persone sedute l’una.

Le barchesse presentano semplici lesene, un oblò sopra ogni arco e sono a mattoni non intonacate con i soffitti in travi di legno squadrate “alla sansovina”.

Se già nei periodi di calura estiva il giardino offre un relativo refrigerio, le barchesse sono ulteriormente fresche e ben si prestano ad ogni tipo di incontro conviviale.

Come si può notare dalle foto gli spazi sono molteplici e con la loro caratteristica di rustica semplicità non sono eccessivamente dispersivi: si possono facilmente ottenere soluzioni ad incastro per i diversi momenti della festa.

Se l’aia ben si presta all’accoglienza con buffet o aperitivi, le barchesse sono ottimali per il momento conviviale, passando al giardino con il suo riposante prato verde disseminato di alberi ad alto fusto.

 

L’ambiente

Ca’ Murà è un sito ambientale, unico nel suo genere nell’ambito dell’intero territorio comunale di Maserà di Padova.

Fin dall’ XI secolo la zona era occupata da una piccola comunità dell’ordine benedettino e in documenti coevi si ritrova il toponimo "Ca’ Murà" o "Casa murada".

Con la sua caratteristica di piccolo borgo medievale rappresenta la componente di maggior pregio architettonico-paesaggistica. Fin dall’ XI secolo nell’area insistevano piccole comunità benedettine, sorta di avamposti precedenti alla costruzione nel medesimo luogo di un complesso monastico di maggiori dimensioni appartenente successivamente all’ordine francescano.

Ciò che ci è pervenuto è l’Oratorio di Santo Stefano e Sant’ Eurosia (1.100 circa), per secoli appartenuto alla famiglia Petrobelli. Costituito in buona parte con blocchi di trachite dei Colli Euganei, faceva parte dell’originario complesso monastico: una suggestiva chiesetta immersa nel verde in cui, si narra, si fermò Sant’Antonio in preghiera durante il suo pellegrinaggio attraverso la provincia di Padova.

A completare storicamente il quadro unitario vanno ricordate le tipiche due “boarie”, le case del bracciante, del “gastaldo”, del “casolino” e del “sensaro”. Rispettivamente alloggiavano le famiglie dei conduttori dei buoi (bovari), dei braccianti dei campi, del capo dei contadini (gastaldo), del pizzicagnolo del borgo (lavorava anche col baratto), del mediatore dei cavalli.

Villa Petrobelli è circondata da uno splendido giardino in stile romantico, la location ideale per il vostro ricevimento nuziale e per le foto del matrimonio. Oltre al giardino la villa offre anche uno splendido parco. Sia il giardino che il parco sono ricchi di piante e fiori di svariati colori in ogni periodo dell'anno.

Villa Petrobelli offe tutta la sua esperienza nel preparare il vostro matrimonio. Una splendida villa nella provincia di Padova, immersa nel verde di un incantevole parco. Dall'auto per gli sposi al pranzo matrimoniale, tutto verrà preparato a nozze con la massima cura.

Villa Petrobelli il matrimonio in villa a Padova. L'arrivo in villa stabilisce l'inizio dei festeggiamenti. Per rendere magico il grande giorno mettiamo a disposizione il nostro parco auto: stupende auto d'epoca.

Villa Petrobelli, il matrimonio in villa, a Padova. Il pranzo di nozze: un buon menu, un ottimo vino ed un'atmosfera romantica. Offriamo la nostra esperienza per creare assieme a voi un giorno indimenticabile. Dalla composizione del menu alla scelta dei vini: la nostra esperienza a vostra disposizione.

 

VILLA PETROBELLI Via Merano, n°4 - 35020 Fraz. Bertipaglia – Maserà (PD) tel. +39 3478057465 www.villapetrobelli.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Alice Chiesa Petrobelli

 

Agenzie viaggio

Se sei un agenzia di viaggio compila il form per rimanere sempre aggiornato.

Iscrizione Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità che Ville Venete & Castelli ti offre. Iscriviti ora alla newsletter.

Informazioni

Ville Venete & Castelli

Indirizzo:  Via Santa Bona Vecchia 117/F - 31100 Treviso

Telefono: +39 0422 431605

Skype: villevenetecastelli