VILLA GALVAGNA GIOL

Meeting - B&B

Ubicata a due chilometri da Oderzo, nel cuore del piccolo centro di Colfrancui, villa Galvagna Giol è immersa nel grande parco secolare e, come un’isola, è circondata dal fiume Lia che ne segna i confini e che la separa dalla chiesetta romanica di San Giacomo; questa, di recente restaurata, è molto suggestiva per le sue proporzioni, per la particolarità del piccolo campanile posto al centro della facciata e per l’ampio acciottolato che la separa dalla strada.

La villa si affaccia sul lago alimentato dal Lia: l’isolotto dei cigni nel mezzo con i rami degli antichi alberi che si protendono a toccare l’acqua ed il bersò sulla riva con le sue bianche colonnine di marmo coperte di rose contribuiscono ad esaltare l’atmosfera romantica voluta dal Bagnara quando disegnò il parco agli inizi dell’ottocento.

La facciata che guarda il lago, contrariamente a quella più classica e antica verso la strada e a sud-est verso la chiesa, fu costruita in un delicato stile gotico-veneziano, con le finestre ed i balconi in pietra d’Istria ed i merli a coda di rondine sul tetto, ed è forse uno degli unici esempi rimasti in questo stile, omaggio alla moda romantica dell’epoca. L’insieme è davvero particolare con un effetto “fiabesco”. Quasi a rafforzarlo, c’è la storia del suo passato.

La Storia

Negli ultimi anni dell’Ottocento fu ripetutamente ospite della baronessa Galvagna la regina Natalia di Serbia; una bella fotografia ritrae le signore davanti alla grande vetrata a bifora della villa; dietro di loro, in piedi, c’è Draga Mascin, allora dama di compagnia della regina ma destinata a diventare, malgrado le umilissime origini e l’opposizione di tutti, regina di Serbia a sua volta, avendo sposato il figlio di Natalia, re Alessandro Obrenovic.

Probabilmente fu a causa di questo odiato e sterile matrimonio che il 16 giugno 1903 si arrivò alla rivolta in favore di una successione dei Karageorgevic ed alla drammatica uccisione della coppia reale.

Un altro personaggio particolare che fu ospite della ville fu Richard Lionel Guidoboni Visconti, presunto figlio di Honoré de Balzac, sepolto nel cimitero di Oderzo. Il bel libro di Eugenio Bucciol “ Da Versailles a villa Galvagna” che ne illustra la storia fu presentato nel 1999 nel salone della villa.

Al tempo del barone Galvagna, la villa ospitò una famosa collezione di oggetti di arte giapponese oltre che ad una importante raccolta di reperti archeologici, che si possono oggi ammirare in gran parte nel Museo Archeologico di Oderzo. Subentrato nella proprietà della villa, il dottor Giovanni Giol ne volle far dono al Museo con l’intento di salvarli dalla depredazione causata dagli ultimi eventi bellici. Infatti, occupata prima dalle truppe nemiche e poi dagli alleati, diventata ospedale militare americano e quindi rifugio per gli sfollati della grande alluvione del Polesine, la villa cadde in degrado e solo con il recente restauro sapientemente realizzato da Alberto Giol, unitamente a quello della Barchessa, entrambe terminate nel 1999, ha potuto riacquistare la sua perduta bellezza.

La Barchessa

Questa adiacenza una volta adibita ad uso agricolo, pur mantenendo il suo carattere originario tipico della campagna veneta, è stata restaurata con particolare attenzione allo scopo cui la si voleva destinare. Grandi spazi sapientemente divisi, cucine attrezzate e servizi adeguati ne fanno una struttura particolarmente adeguata a ricevimenti di matrimonio, meetings aziendali, manifestazioni di vario tipo che, oltre all’aiuto di eccellenti servizi di catering, possono anche contare sulla bellezza veramente unica dell’ambiente in cui è ubicata.

Il Parco secolare

Il mutare delle stagioni colora il parco secolare di Villa Galvagna Giol che si presenta sempre adatto in ogni stagione ad ospitare gli eventi da organizzare.

Disegnato agli inizi del XIX secolo secondo la moda romantica dell’epoca, è molto suggestivo e si svolge per una superficie di dieci ettari; piante centenarie e catalogate come tra le più rappresentative nella loro specie lo arricchiscono specchiandosi nell’acqua dei tre laghetti che sono uniti tra di loro da numerosi corsi d’acqua attraversati da ponticelli. Tutto da scoprire con passeggiate lungo i sempre nuovi sentieri che lo attraversano

La villetta

La Villetta, un delizioso appartamento ubicato nel lato Nord della Barchessa, composto da soggiorno, cucina-pranzo con camino e due stanze da letto, una matrimoniale ed una doppia, ciascuna col proprio bagno, può essere affittata per brevi periodi e può essere messa a disposizione degli sposi o di chi dovesse voler utilizzare le nostre strutture, per garantire un confortevole supporto ed appoggio nel corso del loro evento.

Ubicata nel Comune di Fontanelle e a pochi chilometri dalla cittadina di Oderzo nel cuore della Marca Trevigiana, la Villetta di Villa Galvagna-Giol è una perfetta location dalla quale partire per ogni tipo di escursione culturale, enogastronomica, sportiva e didattica.

VILLA GALVAGNA GIOL Via Calstorta, 137 Colfrancui di Fontanelle (TV) Telefono: +39 0422 71.26.12 Fax: +39 0422 71.64.77 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.villagalvagna.it

Agenzie viaggio

Se sei un agenzia di viaggio compila il form per rimanere sempre aggiornato.

Iscrizione Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità che Ville Venete & Castelli ti offre. Iscriviti ora alla newsletter.

Informazioni

Ville Venete & Castelli

Indirizzo:  Via Santa Bona Vecchia 117/F - 31100 Treviso

Telefono: +39 0422 431605

Skype: villevenetecastelli