CASTELLO CINI

Museo

Dopo la conquista di Monselice da parte della Repubblica di Venezia nel 1405, l'ingente patrimonio dei Carraresi, signori di Padova, con le strutture fortificate medievali della rocca, venne acquisito dal nobile veneziano Francesco Marcello. Sul colle sorgevano già l'antica casa romanica, il castelletto e la massiccia torre difensiva fatta costruire da Ezzelino III da Romano nel XIII sec.

La nuova dimora dei Marcello, realizzata nel corso del Quattrocento e progressivamente sistemata nel Cinquecento, si presentava come un corpo di fabbrica inserito fra gli edifici esistenti. La facciata, coronata da merlature e caratterizzata da finestre riecheggianti le forme tradizionali del gotico veneziano, sembrava voler idealmente estendere il prospetto della torre ezzeliniana. In effetti, l'ampliamento delle sale al livello intermedio di quest'ultima consentì di ricavare una residenza estiva che i Marcello avrebbero utilizzato ininterrottamente fino al XIX sec.

Mentre la costruzione dell'edificio destinato a biblioteca, sulla spianata antistante la torre, risale al Cinquecento, l'allestimento del cortile interno fu completato nei due secoli successivi, dando luogo a una villa d'eccezione nel panorama delle residenze venete. Il cosiddetto "cortile veneziano", delimitato da un breve portico sul lato corrispondente alla dimora, ne rappresentava uno degli spazi più suggestivi: la pavimentazione in trachite, ricavata proprio dalla cava sul colle di Monselice, e la vera da pozzo collocata al centro della corte imitavano dichiaratamente i campielli veneziani, mostrando le origini della dinastia proprietaria.

Sul lato ortogonale al porticato si affacciava anche la cappella gentilizia, edificata su progetto di Andrea Tirali nel Settecento. Il palazzo e gli edifici annessi erano poi arricchiti da vasti possedimenti terrieri, costituiti da vigne e campi di ulivi che si trovavano sul monte e che vennero destinati poi a giardino o brolo. Lungo le pendici del rilievo si sviluppava una vera e propria sequenza di giardini pensili e di terrazze, da cui si godeva una spettacolare veduta del paesaggio.

La caduta della Repubblica di Venezia segnò, per il castello, un periodo di declino che si prolungò fino al 1935, quando il conte Vittorio Cini diede avvio a una generale opera di restauro e di riallestimento degli spazi interni ed esterni.

 

Apertura al pubblico: Dal 1 marzo al 30 novembre, martedì-domenica 9-12 14-17 (ora solare), 15-18 (ora legale). Su prenotazione per gruppi minimo 25 persone per fuori orario e fuori periodo

 

CASTELLO CINI Via del Santuario, 17 - 35043 Monselice (PD) Tel: +39 0429 72468 Fax: +39 0429 72468 E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Sito web: www.roccadimonselice.it

 

Agenzie viaggio

Se sei un agenzia di viaggio compila il form per rimanere sempre aggiornato.

Iscrizione Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità che Ville Venete & Castelli ti offre. Iscriviti ora alla newsletter.

Informazioni

Ville Venete & Castelli

Indirizzo:  Via Santa Bona Vecchia 117/F - 31100 Treviso

Telefono: +39 0422 431605

Skype: villevenetecastelli